martedì 28 marzo 2017

Il Potere


Cogli occhi aperti a rate,
care collane di sterco in veranda
                                        attratte dal mare,
colle soglie bruciate
e le scommesse di vita ab ovo tentate,
restano strade incrociate,
                               giusto incrociate,

nel presente che precipita fiori
                              che ardono spenti,
                                      che sanno di te.

E sui piedi la morte, le dita amare,
i denti erosi, la senti cantare
                                        il tuo nome

mentre conti i tuoi passi, squadri le vite,
stili i ruoli,

redigi.
                                             Dici d'amare.


Nessun commento: